Musica

Progetto Musicoterapia

 

Premessa

La presenza nelle classi di bambini con problemi di comunicazione e di relazione, comporta una riconsiderazione ed una riconfigurazione di tutto il sistema delle relazioni all’interno del gruppo. In tale ottica la Musicoterapia riveste un importante aspetto socializzante, relazionale ed integratore, creando nei ragazzi una modalità di comunicazione diversa dal verbale. Suoni e ritmi, diventano espressione dei sentimenti, delle vittorie e delle sconfitte di tutti i giorni, stimolano la fantasia, divenendo così un canale di apertura contro la chiusura in sé.

 

Obiettivi generali

Sostegno, rinforzo e benessere psicologico Potenziare le risorse individuali

Ampliare le capacità comunicative e relazionali

Aprire le risorse creative del singolo e canalizzarle come opportunità per il gruppo Prevenzione da nuove dipendenze (videogame, social network, ecc…)

Favorire l’accettazione della diversità come valore (aiutare il prossimo, lavorare in equipe,

imparare a condividere emozioni e riflessioni) Favorire la creatività.

 

 

Metodologia:

Musicoterapia Creativa – Modello Nordoff-­‐Robbins; Libera Improvvisazione – Modello Alvin; Musicoterapia Comportamentale – Modello Benenzon

 

 

Attività:

Terapia di Gioco Cognitivo-­‐Comportamentale (TGC). La TGC coinvolge il bambino nella terapia attraverso il gioco e si focalizza sui pensieri, sentimenti, sulle fantasie e sull’ambiente del bambino, è strutturata, direttiva e orientata ad un obiettivo, inoltre, propone strategie per lo sviluppo di competenze adattive.

 

 

Valutazione

Un’osservazione sistematica, con specifici indicatori e descrittori, consentirà di valutare aspetti omportamentali, cognitivi ed emotivi.

 

 

Musicoterapeuta: Carmine Cirino

 

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento